Tour della Namibia

dal 26 Maggio al 5 Giugno 2018
10 GIORNI - 9 NOTTI
MINIMO 20 PARTECIPANTI
TOUR IN ITALIANO



PROGRAMMA


1° giorno: ITALIA – WINDHOEK Ritrovo dei signori partecipanti in aeroporto e partenza con volo di linea per Windhoek via Amsterdam. Pernottamento a bordo.
 
2° giorno: WINDHOEK – WATERBERG PLATEAU Arrivo a Windhoek e disbrigo delle formalità d’ingresso. Incontro con la guida locale. Trasferimento in pullman riservato verso la parte settentrionale del Paese, nell’area di Kalkfeld. Pranzo libero. Sistemazione nelle camere riservate (disponibili dopo le ore 15.00). Il lodge è situato in una riserva naturale e avremo quindi un primo approccio con la vita selvaggia del paese. Cena e pernottamento.
 
3° giorno: WATERBERG PLATEAU – ETOSHA NATIONAL PARK Prima colazione e partenza per il Parco Etosha. Arrivo al lodge per depositare i bagagli. Pranzo e partenza per un safari fotografico nel parco. Rientro al lodge per la cena ed il pernottamento.
 
4° giorno: ETOSHA NATIONAL PARK Dopo la prima colazione, dedicheremo l’intera giornata a dei safari fotografici nel parco. Pranzo incluso. Cena. Pernottamento. Il Parco Nazionale Etosha, una delle più grandi riserve faunistiche africane, habitat di oltre 100 specie di mammiferi, 340 specie d’uccelli, di cui un terzo migratore, e di 50 diverse specie di serpenti. Si estende su 22.000 chilometri quadrati, un'ampia distesa di boscaglia e vaste savane, dove i ritmi della natura e la vita degli animali hanno mantenuto il loro millenario ecosistema e la presenza umana si è piegata alle loro leggi. Al centro del parco si estende una bianca e lunare depressione (Pan), piatta e arida, bruciata dal sole e dai venti, lunga 120 chilometri e larga 70. La vegetazione del parco è formata da numerose specie d’acacia, dal mopane, dal tambote, dal salice rosso, dall'euforbia a forma di candelabro e dall'omum¬bo¬rom¬bonga, al quale la leggenda lega, la nascita dei progenitori e del fuoco sacro degli Herero. Nelle vicinanze del campo di Okaukuejo cresce il kokerboom (Aloe Dichotoma), l'albero dal quale i Boscimani ricavavano il legno per la faretra e le frecce avvelenate. Il lago fu scoperta nel 1851 dagli esploratori europei Francis Galton e Charles Andersson. Nel 1897 i tedeschi costruirono a Namutoni un forte che fungeva da posto di polizia, sede di una guarnigione militare; raso al suolo dai guerrieri Ovambo in rivolta contro gli occupanti bianchi venne successivamente ricostruito seguendo il disegno originale, nel 1958 fu aperto al turismo e trasformato in uno dei campi oggi più frequentati della Namibia. 
 
5° giorno: ETOSHA NATIONAL PARK – DAMARALAND Prima colazione e partenza verso Twyfelfontein, attraverso il Damaraland, una regione arida e montagnosa al confine con il Deserto del Namib. È una delle aree meno popolate e più varie dal punto di vista geologico di tutta l’Africa. Durante questa giornata verranno effettuate delle soste molto interessanti poiché quest’area desolata offre meravigliosi punti panoramici su di un territorio chiamato “Deserto della Luna” proprio per la sua morfologia. Questa è anche la terra delle welwitschia mirabilis, gli alberi più antichi al mondo (si stima che la più antica abbia 2000 anni). Visita della singolare foresta pietrificata. Fu dichiarata monumento nazionale nel 1950 ed è il risultato di un’alluvione che portò a valle una cinquantina di alberi, stimati vecchi di circa 200 milioni di anni, che si trovano su un pendio sovrastante.Visita, infine, del Living Damara Museum, un museo all’aperto creato dalle popolazioni locali per mostrare i loro usi e costumi. In un’oretta un gruppo di persone in abiti tradizionali mostra come truccarsi, curarsi con le erbe, accendere il fuoco, ecc., esegue balli e canti in un’ambientazione scenografica che riporta indietro di millenni. Pranzo in corso di trasferimento. Arrivo al lodge e sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.Twyfelfontein, patrimonio dell’umanità, è il luogo in cui circa 6000 anni fa le comunità boscimane incisero e dipinsero oltre 2500 immagini raffiguranti animali, le loro orme e qualche figura umana.
 
6° giorno: DAMARALAND – WALWIS BAY   Prima colazione e partenza di primo mattino verso le incisioni rupestri di Twyfelfontein L’arte rupestre che si può osservare in questi territori è assolutamente straordinaria per bellezza, qualità e quantità; un patrimonio archeologico tra i più importanti a livello mondiale che risulta fondamentale per conoscere la preistoria dell’Africa australe, un subcontinente dove la documentazione scritta, i resti monumentali o le epigrafi scarseggiano o sono di epoca relativamente recente, sebbene gli studiosi considerino la zona la culla della più antica presenza umana. Osserveremo queste incisioni rupestri. Al termine della visita partenza in direzione Swakopmund, graziosa cittadina che ricorda, per la conformazione degli edifici, l’origine coloniale tedesca. Pranzo in corso di trasferimento.Arrivo e sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento. 
 
7° giorno: WALWIS BAY Prima colazione e partenza per un’emozionante crociera nella baia di Walvis Bay, dove si potranno vedere le foche che balzano fuori dall’acqua e mangiano direttamente dalle mani dei turisti. Possibilità di osservare le numerosissime otarie, i pellicani, i delfini e, secondo la stagione, le balene. Pranzo. Nel pomeriggio tempo libero a disposizione per piacevoli passeggiate lungo la splendida baia e/o shopping. Cena e pernottamento in hotel. 
 
8° giorno: WALWIS BAY – NAMIB DESERT Prima colazione e partenza per il Namib Desert, il più antico deserto della terra. Durante il tragitto si passerà per i Canyon di Gaub e Kuiseb. Pranzo in corso di trasferimento. Nel pomeriggio arrivo a Sossusvlei, area caratterizzata da alte dune di sabbia arancione. Sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.Con un’età stimata intorno agli 80 milioni di anni, il Namib è considerato il più antico deserto del mondo. La sua origine è dovuta alla rottura dell’antico continente Gondwana, quando l’Africa e il Sud America lentamente si separarono l’uno dall’altro. Il vero processo di trasformazione  in deserto  però iniziò non più di due milioni di anni fa, quando la distanza accumulata dai due continenti fu sufficiente da permettere alla gravità terrestre di trascinare verso nord la corrente fredda del Benguela, d’origine antartica, fino a raggiungere l’equatore. E’ questa corrente, alla base degli immensi depositi di sabbia,  che sono stati spazzati via dal tumultuoso fiume Orange dagli altopiani sudafricani e trascinati verso il mare sulle aride coste Namibiane e sono stati trasportati verso l’interno dai forti venti di sud-ovest. Il particolare rosso delle dune dipende dall’ossido di ferro che ricopre i granelli di sabbia. 
 
9° giorno: NAMIB DESERT Prima colazione e partenza di primo mattino per visitare le dune di Sossusvlei, le più alte del mondo, illuminate dalla tenue luce dell’alba (gli ultimi 6 km saranno percorsi con veicoli 4x4). Sarà possibile salire sulla famosa Duna 45 o camminare fino a Dead Vlei, depressione caratterizzata da un suolo di sabbia bianca e numerosi alberi morti di acacia che con il tempo hanno assunto un colore molto scuro che contrasta con il bianco del suolo e l’arancione delle dune. Pranzo. Nel pomeriggio escursione nel Sesriem Canyon, gola formatasi milioni d’anni fa nel conglomerato di calcare. Cena e pernottamento.
 
10° giorno: NAMIB DESERT-KALAHARI DESERT WINDHOEK Prima colazione e partenza verso il Deserto del Kalahari. Il deserto del Kalahari è una vasta distesa sabbiosa dell’Africa meridionale, che si estende per circa 520.000 km². È il quarto deserto al mondo per estensione. È parte di un immenso altopiano africano e si trova ad una altezza media di 900 metri. Copre il 70% del territorio del Botswana e parti dello Zimbabwe, della Namibia e del Sudafrica. Includendo, oltre al deserto vero e proprio, anche il bacino semi-arido che lo comprende si ottiene un'area di oltre due milioni e mezzo di chilometri quadrati. Il nome Kalahari deriva dalla parola Kgalagadi della lingua tswana, e vuol dire "la grande sete". Godremo dei suggestivi panorami, con la possibilità di vedere esemplari e flora e fauna che sopravvivono in un ambiate tanto ostile. Pranzo in corso di viaggio. Arrivo al lodge e tempo libero fino alla cena e pernottamento. Sistemazionenelle camere riservate. Cena e pernottamento.
 
11° giorno: KALAHARI  DESERT-WINDHOEK-ITALIA Prima colazione in hotel e tempo libero a disposizione fino al trasferimento in aeroporto (rilascio delle camere alle ore 10.00). Pranzo libero. Disbrigo delle formalità doganali e partenza per l’Italia via Amsterdam. Pernottamen-to a bordo. 
 
12° giorno: ITALIA  Arrivo in Italia. Fine dei nostri servizi.
 
N.B. IL PROGRAMMA POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI DI ORDINE TECNICO-PRATICO SENZA CHE CAMBI IL CONTENUTO

Quota base (camera doppia categoria standard): € 2.630
Su richiesta: supplemento camera singola, riduzione camera tripla
Cambio applicato: EUR 1 = 16,50 ZAR


LA QUOTA COMPRENDE

• volo A/R in classe economica con KLM da Genova
• franchigia bagaglio kg 20 in stiva + 7 kg a mano 
• tasse APT e YQ (€ 250 al 01/01/2018 e soggette a revisione all’emissione della biglietteria) 
• tutti i trasferimenti in pullman GT 
• sistemazione in hotel di categoria 4 stelle e lodge in camere standard 
• trattamento di pensione completa dalla cena del 2° giorno alla colazione dell'ultimo giorno
• guida locale in italiano
 • biglietti e ingressi ove previsti 
• assicurazione sanitaria/bagaglio

LA QUOTA NON COMPRENDE 

• eventuali adeguamenti per: carburante, tasse aeroportuali voli intercontinentali e domestici, security-tax e tassi di cambio che verranno comunicati tra i 20 ed i 30 giorni prima della partenza come previsto dal contratto di vendita dei pacchetti turistici (D.Lgs 206/2005) 
• pasti e bevande non menzionati 
• mance
• tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
• assicurazione annullamento facoltativa 5% del totale importo pratica (inserire per ogni partecipante)
  • video
  • mappa
  • info
  • stampa